No Profit

No Profit

Il non profit costituisce un settore in forte espansione, anche alla luce delle recenti riforme di settore (ad esempio d. lgs. 117/2017 s.m.i.) ed opera soprattutto, ma non solo, in ambito sociale e culturale.

La sua espansione si è registrata soprattutto a seguito della modifica costituzionale in materia di sussidiarietà verticale ed orizzontale, in particolare con la riforma dell’art. 118 Cost. che ha dato impulso ad una serie di progetti, soprattutto a livello locale, di cd. nuova collaborazione tra pubblico e privato, forme di patrocini e di cooperazione nella gestione dei servizi essenziali.

A livello nazionale, si evidenzia poi l’emanazione del Codice del Terzo settore che ha introdotto alcune particolari forme di collaborazione tra gli enti pubblici e il privato non profit: tra questi, le forme di co-programmazione, co-progettazione e la stipula di convenzioni e accreditamenti. La disciplina di questo settore, dunque, soggiace spesso a regimi derogatori rispetto alla normativa applicabile alle imprese in virtù dell’attuazione della funzione di rilevanza sociale e di interesse pubblico svolta.

Tuttavia, il panorama appare ancora piuttosto complesso in quanto i confini tra il profit ed il non profit sono labili ed i due ambiti tendono ad apparire intrecciati e - troppo spesso – sovrapposti, con effetti non sempre positivi sul territorio e sulla concorrenza, anche sleale, a causa del particolare regime fiscale a cui il secondo è sottoposto.

Negli ultimi tempi queste collaborazioni si sono spinte sino a diventare “gestioni comuni” e/o “patti collaborativi” nell’ambito di veri e propri progetti di “rigenerazione urbana” rispetto ai quali il non profit assume la forma di partecipazione sociale della stessa cittadinanza. Tali finalità sono contenute nell’atto costitutivo o nello statuto della società, indicate nell’ambito delle attività dell’oggetto sociale, e sono perseguite attraverso una gestione responsabile, sostenibile, trasparente e mirata a bilanciare, da un lato, gli interessi dei soci e, dall’altro, l’effettivo perseguimento di effetti positivi, o la riduzione di quelli negativi, su uno o più dei suddetti ambiti.


D’altro canto, anche i modelli profit stanno attuando politiche nuove attraverso lo sviluppo delle cd. società benefit ovvero imprese che includono nelle finalità statutarie anche aspetti inerenti obiettivi sociali e culturali e di sostenibilità ambientale.


Gli aspetti giuridici affrontanti dallo Studio nel settore del non profit riguardano:

  • Aspetti inerenti la contrattualistica;
  • Gestione affitto spazi pubblici e privati;
  • Applicazione della Trasparenza amministrativa;
  • Partecipazione a bandi pubblici;
  • Convenzioni e accreditamenti;
  • Supporto nella gestione della documentazione;
  • Attuazione del regime di privacy e modello 231;
  • Rendicontazioni.
torna indietro